Il 2019 si è chiuso con una bella notizia per il mondo alberghiero italiano: tra i cento hotel migliori al mondo, cinque sono in Italia. La classifica è stata stilata dal magazine di viaggi Travel+Leisure che annualmente chiede ai propri affezionati lettori di scegliere gli alberghi secondo loro migliori coniugando una serie di aspetti: la struttura in sé, la sua posizione, la qualità dei servizi e del cibo. I paesi del mondo presi in considerazione sono 33, raggruppati in tutti i continenti, Antartide esclusa. In classifica ci sono: Borgo Egnazia (Savelletri di Fasano, provincia di Brindisi), il Rosewood Castiglion del Bosco (Montalcino, Siena), Palazzo Avino (Ravello, Salerno), il Grand Hotel Villa Serbelloni (Bellagio, Como) e il J.K. Palace (Firenze).

Borgo Egnazia è un posto unico al mondo e non a caso ha ospitato le vacanze di molti vip, da Barack Obama a Madonna a David e Victoria Beckam: tra l’azzurro del mare di Puglia e gli ulivi secolari dell’entroterra, coniuga servizi extralusso con il sapore del territorio. Da un lato riproduce un paese tipico pugliese, colto nella sua bellezza rurale, dall’altro offre servizi extralusso come spa, cucina stellata, campo da golf e spiagge private. Un vero paradiso mediterraneo.

Anche lui borgo a tutti gli effetti, il Rosewood Castiglion del Bosco prende il nome dalla nota e storica azienda vinicola toscana. Situata all’interno del Parco Naturale della Val d’Orcia, patrimonio dell’Unesco, nel cuore della patria del Brunello di Montalcino, Castiglion del Bosco è una delle tenute più antiche d’Italia. Rilevata nel 2003 da Massimo Ferragamo, è grande duemila ettari e conta 23 suite, 11 ville con piscina privata, spa, campo da golf, un’osteria, un orto biologico e altre eccellenze.

Anche Palazzo Avino a Ravello, affacciato sul panorama mozzafiato della Costiera Amalfitana, ha ospitato moltissimi vip in vacanza: una fra tutte, l’influencer Chiara Ferragni. Antica dimora gentilizia di epoca medievale, Palazzo Avino conta 43 camere di cui sei suites, e molti servizi tra cui discesa privata al mare. Vista sul lago, ristorante stellato e storica eleganza contraddistinguono invece il Grand Hotel Villa Serbelloni che nel corso di decenni è stato destinazione di ospiti illustri, aristocratici e star del cinema: Winston Churchill, J. F. Kennedy, Theodore Roosevelt, Clark Gable, Robert Mitchum, Al Pacino sono soltanto alcuni nomi. Sede storica e servizi da Cinque Stelle Lusso contraddistinguono anche il J.K. Palace di Firenze.

Pur nella loro diversità, tutti questi hotel hanno caratteristiche comuni molto marcate che contraddistinguono l’eccellenza dell’ospitalità alberghiera italiana rispetto a quella di altre nazioni: ubicati in palazzi storici e in dimore dal marcato sapore regale, coniugano la tradizione e le bellezze impagabili del Bel paese con servizi all’altezza delle strutture più all’avanguardia nel mondo. Simboli di un inconfondibile stile italiano richiamano turisti facoltosi e vip da tutto il mondo. Certo, il prossimo anno sarebbe auspicabile che gli hotel italiani in classifica siano molti, molti di più.