Secondo L’Osservatorio Statistico di MailUp, una tra le piattaforme professionali d’invio sms ed email più utilizzate, nel 2018 in Italia si sono spedite 13 miliardi di email, con un tasso di apertura cresciuto del 12,7% rispetto al 2017. Cosa significa? Significa che sbagliamo quando pensiamo che l’email marketing sia uno strumento di comunicazione e di marketing superato. Significa che sbagliamo quando pensiamo che per promuovere la propria attività o la propria immagine bastino strumenti, pur utilissimi, come Instagram, Google o WhatsApp. L’email marketing è uno dei canali che genera il maggior ROI (Return On Investment), cioè uno dei canali più redditizi in termini di efficienza economica. Ecco perché chi possiede un hotel o una struttura ricettiva dovrebbe utilizzarlo tra i principali strumenti di marketing. Attenzione, però, come tutti gli strumenti di marketing va maneggiato con giudizio altrimenti rischia di diventare un boomerang letale. Qui di seguito proviamo a darvi qualche piccola tip per utilizzare l’email marketing di modo che promuova al meglio il vostro hotel.

Come costruire un indirizzario

Prima di mandare qualsiasi email, serve avere qualcuno a cui mandarla. Come si acquistano follower su Instagram, ad esempio, così si possono acquistare mailing list: ecco, non fatelo! È illegale, specie oggi con le nuove e stringenti regole del Garante per la Privacy. Meglio, perciò, chiederle. L’email di un cliente si può ottenere in molti modi: spesso e volentieri, se la prenotazione avviene online, non avrete alcun bisogno di chiederla perché la otterrete automaticamente, dal momento che l’email è sempre richiesta a qualsiasi potenziale ospite effettui la prenotazione o tramite il vostro sito Internet o tramite le Ota. Altrimenti, al momento della registrazione in arrivo o al momento della partenza, potete chiederla tramite la compilazione di un form di contatto.

Quando mandare le email agli ospiti

Se a prenotazione avvenuta avete salvato l’email del vostro prossimo ospite, potete cominciare mandando una lettera di benvenuto, con le indicazioni per arrivare in hotel, l’illustrazione dei servizi proposti e le offerte esclusive a lui o a lei dedicate. Una volta che il cliente ha lasciato il vostro hotel potete inviargli una mail in cui lo ringraziate per il soggiorno e chiedete un parere sulla struttura. Potete anche utilizzare l’email marketing per mandare le offerte che mettete a disposizione dei vostri clienti durante l’anno, per fare gli auguri di compleanno magari offrendo un piccolo omaggio (sconti, ingressi alla spa etc.) oppure potere creare una vera e propria newsletter. Tramite la newsletter, cioè una pubblicazione periodica ma costante di notizie che riguardano la vostra struttura, potete ad esempio veicolare informazioni non soltanto sul vostro hotel, ma anche sulla località in cui si trova. In questo modo i vostri clienti saranno sempre aggiornati su cosa accade nel posto in cui hanno soggiornato, qualora desiderassero tornare. Ricordate una buona regola, però, quella di evitare lo spamming: non mandate troppe email, anche se volete inviare una newsletter periodica bastano un paio di email a stagione.

Come mandarle

Prima di tutto, i contenuti: se non avete nulla da comunicare evitate. L’email marketing funziona se ciò che i destinatari si ritrovano in posta è interessante, altrimenti vi infileranno nella casella spam o vi chiederanno di essere cancellati dalla mailing list. Anche l’oggetto della mail deve essere accattivante, altrimenti la mail non verrà nemmeno aperta e finirete nel cestino ancora prima di essere arrivati a destinazione. Se avete qualche dimestichezza, poi, inserite anche immagini, video o contenuti emozionali, tutto confezionato con una bella grafica che identifichi la vostra brand identity. Inserite anche link o riferimenti al vostro sito internet o ai vostri account social, porterete traffico anche lì. In una email che si rispetti, infine, non dovrebbe mancare una call to action: un sondaggio, la richiesta di un parere, la richiesta di informazioni. Serve a fidelizzare il cliente e darvi un maggiore ritorno. Importantissimo: ricordatevi che esistono delle norme sulla privacy cui dovrete attenervi scrupolosamente, per evitare di incorrere in sanzioni pesanti.