L’Italia è la seconda meta, nel mondo, per i giovani – soprattutto under 35 – che decidono di partire con lo zaino in spalla: i cosiddetti backpackers. I dati di una ricerca condotta da Hostelworld, leader nel mercato mondiale delle prenotazioni di ostelli, ci dicono che l’Italia è seconda solo alla Spagna ed è seguita da Stati Uniti, Inghilterra e Germania. Chi decide di viaggiare con la formula zaino in spalla lo fa generalmente per due motivi: da un lato per viaggiare “all’avventura”, più a contatto con i luoghi che si visitano, secondo le regole del turismo slow e green, dall’altro anche per risparmiare. Ma il fatto che i backpackers intraprendano viaggi low cost non significa che non abbiano determinate esigenze da soddisfare. Ostelli a parte, che sono nati proprio per venire incontro a questa tipologia di viaggiatori, anche gli hotel tradizionali dovrebbero cogliere le opportunità che offre questa fetta di mercato. Come? organizzandosi per creare un’offerta ad hoc per questi ospiti un po’ speciali.

Può essere utile, ad esempio, avere a disposizione una o un paio di camere grandi da attrezzare con più letti, magari singoli: una sorta di formula ostello all’interno dell’hotel che potrebbe garantire agli ospiti zaino in spalla un soggiorno più economico. Basta davvero poco e la formula è pronta. Per quanto riguarda la colazione, sarebbe bene prevederla anche ad un orario diverso dal solito: i viaggiatori backpacker spesso si alzano la mattina all’alba per ripartire verso la loro prossima tappa. Un buffet abbondante che possa soddisfare tutti i palati dando l’energia giusta per rimettersi in cammino è il modo migliore per accogliere questi ospiti. Se il viaggiatore, invece, decide di sostare per qualche giorno nel vostro hotel, non fatelo annoiare: offrite un pacchetto esperienza, con passeggiate se vi trovate in località extra urbane o tour economici e poco turistici per conoscere i segreti della vostra città. I backpackers, infatti, amano muoversi al di fuori dei soliti circuiti turistici, alla scoperta di cultura ed enogastronomia locali. Infine, siate amichevoli e accoglienti: i viaggiatori di questa tipologia amano avere contatti con le persone che incontrano durante i loro viaggi e amano essere accolti come a casa. Intrattenerli raccontando magari le bellezze del posto che li ospita è un ottimo modo per fa sì che non si dimentichino del vostro hotel e che lo consiglino ad altri amici.